Lavoro e depressione

La depressione causata dal lavoro, ecco i problemi e come uscirne.

Il lavoro è una situazione giornaliera che mette mente e fisico sotto stress, rischiando così di cadere in depressione.

Manager in salute

Le preouccupazioni, gli impegni e i tutti i pensieri che il lavoro provoca con il tempo possono portare danni permanenti psicologici e fisici. Tutto ciò non procura danni solo apparenti, ma con il tempo danneggia sia fisico che mente. Per quanto riguarda i sintomi fisici si possono avere problemi respiratori, disturbi alimentari e problemi con il sonno. Ma tutto questo se viene eccessivamente sottovalutato rischia di trasformarsi in depressione, le problematiche che possono presentarsi riguardanti le tempistiche lavorative sono soprattutto due, gli orari di lavoro lunghi e l'incapacità di mettere da parte gli impegni lavorativi anche quando si arriva a casa. Lavorare tanto potrebbe essere un comportamento solo da ammirare, ma quando si esagera si rischia di fare male a se stessi. È importante condividere il proprio tempo fuori dal lavoro con la propria famiglia lasciando da parte e-mail, chiamate e messaggi di lavoro. 

Salute e vita privata centrali per i manager

Il fisico e anche la mente hanno bisogno di riposarsi e staccare la spina dal lavoro, se tutto ciò non avviene si rischia di iniziare un percorso di depressione, stress e stanchezza. Purtroppo però tutto ciò non si ferma solo alla depressione, il rischio è anche quello di entrare in problematiche fisiche molto più gravi, che vanno quindi a rovinare anche il futuro e la carriera. È fondamentale rendersi conto che turni troppo lunghi e straordinari troppo frequenti non rendono solo stanchi, con il tempo possono portare disturbi molto gravi. Per quanto il lavoro è fondamentale salvaguardare la propria salute è un diritto ancora più essenziale.

Fonte: Shutterstock

Francesca Vinciarelli

15 Febbraio 2017

Vedi anche:

Commenti

Inserisci il tuo commento

Offerte di lavoro retribuite a partire da € 50.000 annui ed head hunter iscritti ad Experteer.it